small_prosecco

Descrizione

Caratteristiche organolettiche: Colore giallo paglierino con perlage fine e persistente. Profumo fruttato e aromaticità che ricorda la mela, l’albicocca, pera e rosa.

A tavola

Abbinamenti: ottimo come aperitivo servito con verdure pastellate, fritture e formaggi, nonché da ottime paste fredde condite dai migliori “frutti” di stagione. Eccellente l’abbinamento con pesce crudo quali ostriche, tartufi e scampi.

Confezione: Bottiglia da 0.75ml

Temperatura di servizio: 6-8 °C

Luoghi e storia

Vigneti: La zona di produzione del Prosecco DOC si trova nell’area Nord orientale dell’Italia e più precisamente nei territori ricadenti in 5 province del Veneto (Treviso, Venezia, Vicenza, Padova, Belluno) e in 4 nel Friuli Venezia Giulia (Gorizia, Pordenone, Trieste e Udine). I nostri vigneti si trovano a Spresiano, nelle Grave del Piave e a Maserada sul Piave. Le viti sono allevate a Sylvoz.

Cenni storici: Già in epoca romana le uve del vitigno Glera, coltivato inizialmente nella località Prosecco, sulle colline carsiche triestine, davano origine ad un vino di nome Puccino. Nel diciottesimo secolo, la coltivazione del Glera si è sviluppata in tutta la fascia collinare veneto-friulana per poi  espandersi nei limitrofi territori pianeggianti . Qui è nato, a inizio Novecento, grazie alle nuove tecnologie di spumantizzazione, il Prosecco che conosciamo oggi.

Tecnologia di Produzione: La vendemmia delle uve avviene nelle prime settimane di settembre. Dopo la raccolta dell’uva, la prima operazione la pressatura. Dagli acini viene estratto, in modo soffice, solo il mosto fiore. La vinificazione, in bianco, è avviata con lieviti selezionati, i quali trasformano gli zuccheri presenti nell’uva in alcol e CO2. L’attività dei lieviti (fermentazione) dura circa 10-15 giorni ad una temperatura non superiore ai 18°C al fine di preservare i profumi più delicati dell’uva di partenza. Dopo la fermentazione inizia il periodo di maturazione dove vengono svolte le operazioni di travaso e filtrazione per ottenere il vino limpido. La spumantizzazione avviene in autoclavi. Verso la fine della spumantizzazione, che dura minimo 30 giorni, abbassando opportunamente la temperatura, si fa in modo che la fermentazione si fermi, lasciando un residuo zuccherino tale da garantire l’equilibrio e l’armonia. Il periodo di raccolta manuale si effettua da metà settembre. La resa media si attesta intorno ai 180 quintali/ha.